Twister delle emozioni

Le insegnanti della classe 3^ B, dell’Istituto Comprensivo “ Martiri della Libertà “ di Sesto San Giovanni, hanno deciso di aderire al concorso: “ Emozioni fra le pagine “ alla fine del primo quadrimestre, per aiutare e sostenere i propri alunni verso la comprensione e la gestione delle emozioni e favorire un clima armonico nel gruppo classe.
Il percorso riflessivo ha preso il via dalla visione del film di animazione “ Inside out“. Dopo aver osservato i comportamenti della mente umana attraverso la protagonista Riley, per far emergere le idee degli alunni, si è creato un brainstorming sulle principali emozioni. Il lavoro in squadra ha permesso di sviluppare l’interazione fra i ragazzi e, il confronto all’interno del gruppo, ha prodotto molte idee diversificate e insolite e ha reso più compatta, solida e propositiva la classe.
In seguito l’adulto ha letto ai bambini brevi storielle -

una per volta - mostrando loro le vignette che le accompagnavano e delle filastrocche tratte dal libro “Emozionario - Dimmi cosa senti “ Nord – Sud Edizioni per poi passare alla raffigurazione grafica delle proprie emozioni.
Per stimolare l’identificazione delle emozioni come paura, rabbia, disgusto, felicità e tristezza ai bambini è stato proposto il disegno delle stesse. Al termine dell’attività è stato costruito il cartellone delle emozioni che è stato utilizzato come stimolo per la conversazione, la quale si è basata sulle diverse forme di espressione verbale – non verbale.
Successivamente si è passati alla costruzione della mistery box ( scatola delle emozioni ) la quale ha permesso la discussione, in circle time, dei sentimenti e delle paure provate personalmente da ciascun bambino. Attraverso il cooperative learning in questa parte di attività ogni alunno ha potuto suggerire una personale risoluzione e condividere, in modo positivo, il superamento degli ostacoli apportando suggerimenti per risolvere paure e sentimenti negativi.
Inoltre, la classe ha realizzato un cartellone seguendo l’esempio del noto pittore e writer statunitense Keith Haring ricercando a casa immagini, foto, fumetti e quadri d’autore, presi da riviste, che rappresentano le emozioni fin ora presentate in modo da riempire le sagome realizzate seguendo i contorni del proprio corpo. Gli studenti hanno ulteriormente arricchito il poster scegliendo e scrivendo filastrocche per identificare le proprie emozioni.
Alla fine del percorso si è creato il gioco del “ Twister delle emozioni “ il quale ha permesso di instaurare rapporti di reciproca fiducia e solidarietà che gli ha incentivati a superare i loro limiti e le loro paure.
Durante questo percorso si è puntato attraverso l’esperienza diretta alla promozione delle life skills, l’intero lavoro di gruppo è stato strutturato in forma interattiva attraverso attività di role playing, giochi di mimo, lettura di testi e filastrocche legate alla rabbia, alla felicità, alla paura, al disgusto e alla tristezza. Questo lavoro ha permesso agli alunni di sviluppare competenze che li porteranno al confronto e al superamento degli ostacoli al meglio delle proprie possibilità.



Devi essere registrato per commentare questa proposta.

Intervista a Sara Rattaro

Dal 12 febbraio è in libreria Sentirai parlare di me, il nuovo romanzo della scrittrice Sara Rattaro (già autrice di Il cacciatore di sogni). In questa intervista ci racconta qualcosa in più su Nellie Bly, prima reporter della Storia, e sul perchè la sua sia una storia da raccontare ai ragazzi oggi.

Bullismo: cosa leggere?

Contrastare il bullismo è possibile, ma bisogna riconoscerlo, dargli un nome, aiutare chi lo subisce. Leggere e comprendere una storia è un valido supporto.