Formazione e amicizia nella Palestina di 2000 anni fa

Jeshua sembra un ragazzino come tutti gli altri, ma fin da piccolo dimostra di avere qualcosa di speciale. Qualcosa che lo porta a prendere la parte dei più deboli e a soccorrere chi è in difficoltà. Come il cucciolo abbandonato che prende con sé, che vivrà con il ragazzo tante avventure e che sarà testimone della sua vita straordinaria.

LA STORIA

Il romanzo affida ad una prosa asciutta, essenziale, ma nello stesso tempo coinvolgente e magnetica, la narrazione di una storia antica e conosciuta, quella di Gesù. Nella vicenda si inserisce qui un punto di vista assolutamente unico, quello degli amici cani, che vivono con il protagonista fin dall’infanzia.
Il libro è diviso in due parti: nella prima troviamo Jeshua adolescente un po’ scanzonato, ma anche maturo e sensibile ai bisogni di tutti gli esseri viventi; nella seconda la narrazione ci riporta ai celeberrimi episodi delle predicazioni, dei miracoli, dell’ultima cena e della morte, visti, però, dal fedele amico a quattro zampe, che non tradirà mai il suo Rabbi e lo accompagnerà fino alla fine.
È dunque, questo, un romanzo di formazione e di amicizia ambientato nella Palestina di 2000 anni fa, occupata da eserciti nemici e attraversata da una potente forza rinnovatrice: una storia unica

e sempre affascinante.

IL MATERIALE

Nel pdf in allegato alla pagina trovate alcune semplici attività per gli alunni, oltre a spunti di riflessione sui temi presenti nel libro.

Vai all’animazione di "L'amico di Jeshua".

 



Devi essere registrato per commentare questa proposta.

Intervista a Sara Rattaro

Dal 12 febbraio è in libreria Sentirai parlare di me, il nuovo romanzo della scrittrice Sara Rattaro (già autrice di Il cacciatore di sogni). In questa intervista ci racconta qualcosa in più su Nellie Bly, prima reporter della Storia, e sul perchè la sua sia una storia da raccontare ai ragazzi oggi.

Bullismo: cosa leggere?

Contrastare il bullismo è possibile, ma bisogna riconoscerlo, dargli un nome, aiutare chi lo subisce. Leggere e comprendere una storia è un valido supporto.