La guerra dei like: contro il cyberbullismo

di LeggendoLeggendo | Inserito il 01 febbraio 2018
cyberbullismo
Tipo di proposta:
Fascia d'età:
Argomenti:

La guerra dei like racconta due casi paralleli di bullismo e cyberbullismo nelle classi terze di una scuola secondaria di primo grado. Le due vicende sono paradigmatiche sia per le tipologie dei comportamenti violenti messi in atto dai “bulli”, che vanno dall’intimidazione fisica alle diverse forme di persecuzione digitale, sia per le dinamiche psicologiche e relazionali che le accompagnano.

La particolarità del libro

La storia offre la possibilità di realizzare un percorso di approfondimento e riflessione con i ragazzi. Da una parte ci stimola ad analizzare le caratteristiche della comunicazione digitale e soprattutto delle interazioni nei social network, per metterne in luce i rischi nel caso di un uso compulsivo o scorretto che può arrivare a configurare dei veri e propri reati. Dall’altra ci permette di osservare le relazioni tra i personaggi e mettere a fuoco quelle dinamiche relazionali che sono comuni a tutti i gruppi sociali, e di ragazzini in particolare, ma che possono deragliare in modi più o meno pericolosi.

Attività

Il libro favorisce lo sviluppo di percorsi e attività in classe: trovate in allegato un progetto didattico pensato per approfondire i temi affrontati e una serie di schede per gli alunni.

 


Devi essere registrato per commentare questa proposta.

Leggi il blog di LeggendoLeggendo

Scrivere per i bambini: un lavoro bellissimoa cura di LeggendoLeggendo

La nascita di un’idea, la storia che prende forma e, a libro finito, il piacere di incontrare i ragazzi: ce lo racconta Anna Vivarelli, affermata autrice per ragazzi.

Vai >

The game: cambia le tue regolea cura di LeggendoLeggendo

Francesca Carbotti racconta ai giovani lettori l’idea che ha vinto il contest “Ce l’hai una storia?” e che poi è diventato un romanzo, “The Game”.

Vai >

Lo yoga, attività molto apprezzata dai piccoli allievia cura di Clemi Tedeschi

Lo yoga si inserisce perfettamente in ambito scolastico, integrando l’offerta formativa, ed è molto apprezzato dai piccoli allievi. Lo spiega Clemi Tedeschi.

Vai >