Padre e figlio: conversazioni sulla guerra in Afghanistan

Attività e temi per approfondire

Il contenuto

Il papà di Tommi è un reporter di guerra catturato con altri colleghi in Afghanistan da un gruppo di terroristi. Nel libro si alternano le pagine di diario di Tommi, che a Milano aspetta speranzoso il ritorno del padre, e quelle del giornalista che racconta i terribili giorni di prigionia. Ne risulta un dialogo a distanza tra un padre e un figlio che si amano tantissimo e che condividono passioni e speranze.

Alla base delle loro convinzioni c’è la consapevolezza dell’importanza del mestiere di giornalista, che viene ben sintetizzata nella prefazione al libro da Toni Capuozzo, famoso cronista inviato in vari conflitti. Dice infatti che la guerra “non è così lontana, così impossibile, così estranea (...) uno vorrebbe raccontare sempre storie a lieto fine. (...) Ma non bisogna dire bugie (...) la guerra riguarda anche i bambini, purtroppo.”.

Alla fine del libro il lettore può consultare l'interessante “glossario del giornalista”.

Il materiale per l'insegnante

Nell'allegato sono disponibili alcune schede già pronte e spunti per iniziare con i ragazzi un percorso di studio, ricerca e riflessione sugli argomenti affrontati nel libro.



Devi essere registrato per commentare questa proposta.