Sama e Timo: un viaggio per cercare la pace

La storia di Sama e Timo è il racconto del drammatico viaggio di una bambina e della sua famiglia, in fuga da un villaggio nella regione del Darfur, in Sudan, teatro di una terribile guerra definita da alcuni un vero e proprio genocidio.
La famiglia vivrà tutte le tappe del drammatico esodo di chi è costretto a lasciare ogni cosa e a spendere tutti i propri averi per affidarsi alle mani di trafficanti senza scrupoli, nella speranza di sfuggire a un pericolo mortale e poter ricostruire un futuro altrove.

La particolarità del libro

Ispirato a una storia vera, il racconto è svolto in prima persona da Timo, il gatto di Sama, portato con sé di nascosto dalla bambina che mai si sarebbe separata dal piccolo amico a quattro zampe; il suo “piccolo cuore”, come la bambina lo chiama, sarà fonte inesauribile di conforto nei momenti più difficili.

La crudezza della vicenda è mitigata nel racconto dallo speciale punto di vista scelto dall’autrice, che porta in primo piano la relazione della bambina con il suo animale: il tono della narrazione è affettuoso, a tratti poetico e divertente. E sottolinea che, anche nelle condizioni più disperate e disumane, un bambino è un bambino, con i suoi bisogni di sicurezza e di stabilità affettiva, con i suoi sogni per il futuro e anche con la sua inaspettata capacità di coraggio.

Attività

Il libro si presta a diversi livelli di lettura e favorisce lo sviluppo di percorsi e attività in classe. Trovate in allegato un progetto didattico pensato per approfondire i temi affrontati nel libro e una serie di schede per gli alunni.

Miriam Dubini è nata nel 1977 a Milano, ma da qualche anno vive a Roma. Ha scritto spettacoli teatrali, libri, film e fumetti, sempre e solo per ragazzi.



Devi essere registrato per commentare questa proposta.

Intervista a Sara Rattaro

Dal 12 febbraio è in libreria Sentirai parlare di me, il nuovo romanzo della scrittrice Sara Rattaro (già autrice di Il cacciatore di sogni). In questa intervista ci racconta qualcosa in più su Nellie Bly, prima reporter della Storia, e sul perchè la sua sia una storia da raccontare ai ragazzi oggi.

Bullismo: cosa leggere?

Contrastare il bullismo è possibile, ma bisogna riconoscerlo, dargli un nome, aiutare chi lo subisce. Leggere e comprendere una storia è un valido supporto.