Vincere le sfide si può

Nicole, la allegra protagonista di La prima sfida di Nicole, è entusiasta di partecipare al musical della scuola, anche se qualcuno teme che farà una figuraccia. Ma lei non si arrende. Grazie alla sua forza e a tanta voglia di divertirsi, supererà questa e molte altre sfide, perché avere la sindrome di Down è come correre i 100 metri controvento: ci si mette un po' di più ma si taglia sempre il traguardo!

LA STORIA

Il libro racconta vari episodi della vita di Nicole, partendo dall’esperienza teatrale in cui, quando era dodicenne, interpretò la iena cattiva nel musical ispirato a Il re leone. Le due collaudate autrici raccontano con parole chiare e dirette la vita “normale”
di una ragazza “speciale”, sottolineando che ciascuno di noi è “diverso”, e questo rende il mondo migliore.
Il libro non nasconde le difficoltà, né tace i dettagli più scomodi, ma proprio per questo è sincero e vero. Ne emerge un racconto
in prima persona pieno di allegria, amore, amicizie e tante esperienze comuni a tutti, come la scuola e la famiglia, o decisamente eccezionali, come l’incontro con il Presidente della Repubblica o il Papa. L’episodio della rappresentazione teatrale, realizzata insieme a tanti altri ragazzi, fa capire al lettore che dobbiamo sempre mettercela tutta, come fa Nicole, che non si è mai arresa e

ha capito che la sua caratteristica le dava "una marcia in più".

IL MATERIALE

Nel pdf in allegato alla pagina trovate alcune semplici attività per gli alunni, oltre a spunti di riflessione sui temi presenti nel libro.

Vai all’animazione di “La prima sfida di Nicole”.



Devi essere registrato per commentare questa proposta.

Quando scrivere diventa una grande passione

Con “Il mestiere più bello del mondo. Faccio il giornalista”, Luigi Garlando parla ai lettori più giovani dell’amore per la sua professione. Con qualche utile consiglio per gli aspiranti giornalisti!

Dai, leggiamo insieme!

Piccole storie che... crescono! Nuovi formati, comodi e maneggevoli per i bambini, per coinvolgere i più piccoli nelle prime letture.