Skip to main content

Scopri il libro

Fiabe di oggetti magici

Uno scrigno di storie, leggende, magie dalla tradizione italiana. Per credere, come Calvino, che le fiabe sono vere.

Un Re mise fuori un bando, che chi era buono di stufare sua figlia a forza di fichi l’avrebbe avuta in moglie. Così inizia il primo racconto di questa raccolta: chi riuscirà a conquistare la mano della principessa con un magico paniere? Il pecoraio a Corte si farà beffe del Re con la sua furbizia e grazie all’aiuto di un tovagliolo, di una scatolina e di un organino fatati. L’anello magico fa avverare ogni desiderio ma può diventare pericoloso se cade nelle mani sbagliate. Il regalo del Vento Tramontano per il contadino Geppone è una scatola magica che può rifornire di cibo una tavolata di commensali. Ma cosa può fare se il padrone gliela prende e non ha più intenzione di rendergliela?
In questa raccolta quattro storie sul potere della magia e degli oggetti incantati prendono vita nelle illustrazioni inconfondibili e piene di brio di Irene Rinaldi.


Perché leggerlo in classe

  • Per non dimenticare la tradizione favolistica italiana.
  • Per sorridere con i personaggi più buffi e sgangherati. Per sognare con le principesse e le fate. Per aver paura… ma appena appena, non troppo.
  • Perché le nuove edizioni sono riccamente illustrate a quattro colori.

Autore

Italo Calvino

Italo Calvino (Cuba 1923 - Siena 1985), ligure di Sanremo, dopo gli studi e la Resistenza si trasferì a Torino, dove visse fino al 1964. Dal 1947 al 1983 lavorò, a vario titolo, per l'editore Einaudi. Dopo qualche anno a Roma, dal 1967 si trasferì a Parigi per tornare a Roma nel 1980. Attivo collaboratore di quotidiani e riviste, diresse insieme con Vittorini «il menabò di letteratura». Tra le sue opere: Il sentiero dei nidi di ragno (1947), Ultimo viene il corvo (1949), Il visconte dimezzato (1952), Fiabe italiane (1956), Il barone rampante (1957), I racconti (1958), Il cavaliere inesistente (1959), Marcovaldo (1963), Le Cosmicomiche (1965), Ti con zero (1967), Le città invisibili (1972), Se una notte d'inverno un viaggiatore (1979), Palomar (1983). Postume sono uscite, tra le altre, Lezioni americane (1988), La strada di San Giovanni (1990), Perché leggere i classici (1991).