Skip to main content

Scopri il libro

I Maghi Raminghi – L’incantatore di Varanasi

La magia esiste. È segretissima eppure è sotto i nostri occhi. Basta avere il coraggio di vederla.

A bordo di un taxi sgangherato comparso chissà come sotto casa dei ragazzi, Calaba, Floyd, Spenser e il loro altrettanto sgangherato maestro Jack Cade percorrono gli oltre seimila chilometri che separano Bardonecchia da Varanasi, dove si terrà la prossima sfida del torneo. E mentre la squadra dei Raminghi affronta i suoi avversari nella giungla in riva al Gange, tra liane, coccodrilli e piante carnivore, dal mondo della magia arrivano notizie inquietanti. Sembra proprio che l’avvertimento di una saggia maga incontrata a metà viaggio sia vero: “Attento ai tuoi ragazzi, Jack Cade, perché questo non è un torneo come gli altri…” E difatti, anche conclusa la sfida, i nostri non possono stare tranquilli. Qualcuno sta cercando Floyd, e lo troverà. Qualcuno che possiede una magia molto potente, in grado di incatenare i suoi nemici nel regno dei morti…


Perché leggerlo in classe

  • Una serie per gli appassionati di fantasy, scritta da una delle migliori penne della letteratura per ragazzi.
  • Magia fa rima con Natura: avventure ambientate nei luoghi più inaccessibili, ipnotici e sconvolgenti del mondo.

Autore

Pierdomenico Baccalario

Nato nel 1974 ad Acqui Terme, è cresciuto in campagna, in una casa con una colossale biblioteca, a sei chilometri di curve e salite dal suo primo amico. Una volta diventato grande, ha pubblicato numerosi romanzi, tradotti in molte lingue, tra cui le serie bestseller Ulysses Moore e Sherlock, Lupin & Io (con Alessandro Gatti), Lo spacciatore di fumetti e, per Mondadori, Le volpi del deserto (finalista al premio Strega Ragazze e Ragazzi) e Hoopdriver. Nel 2014 ha fondato a Londra l'agenzia creativa Book on a Tree.
Questo libro nasce da un gettone telefonico, dalla curiosità per la vita di Franco Basaglia, dalla passione per il calcio, da un viaggio a Trieste e dall'interesse di una vita per tutti quelli che gli altri chiamano matti, outsider, perdenti, e poi si stupiscono quando vincono.