Scopri il libro

Otto. Autobiografia di un orsacchiotto

Una favola per raccontare la Shoah anche ai più piccoli.

Questa è la storia dell’orsetto Otto e di due bambini: tre compagni di gioco inseparabili che solo una stella gialla cucita sul petto e la crudeltà della guerra riuscì a dividere. Ma non per sempre. Per fortuna Otto ha imparato a scrivere a macchina e può raccontare la sua storia di amicizia perduta e ritrovata, perché in un’imbottitura c’è spazio per tantissimi ricordi.


Perché leggerlo in classe

  • Perché è uno dei pochi libri sulla Shoah a rivolgersi ai lettori più piccoli.
  • Per le parole e le immagini di un grande artista, famoso in tutto il mondo per il coraggio delle sue storie e l’originalità del suo tratto, sempre all’insegna della libertà.

Autore

Tomi Ungerer

Francese di lingua tedesca, è nato in Alsazia nel 1931 in una famiglia di orologiai. Viene considerato uno dei più grandi illustratori satirici contemporanei, oltre che autore di fiabe insolite e pungenti, ed è apprezzato in tutto il mondo per il suo impegno in mille battaglie politiche e sociali. Nel 1998 ha ottenuto il Premio Internazionale Hans Christian Andersen. Attualmente vive in una fattoria nel sud dell'Irlanda.