Oltre le differenze: un’amicizia sui banchi di scuola

By 25 Maggio 2021 Giugno 4th, 2021 Attualità, Autori
fascista

«Il mio migliore amico è fascista.»
Cosa succede quando il razzismo e i pregiudizi entrano in classe?
Se lo chiede, e ce lo racconta, Takoua Ben Mohamed, fumettista, illustratrice, produttrice cinematografica e graphic journalist.
Nata in Tunisia nel 1991, vive a Roma da quando aveva otto anni, dove la famiglia si è trasferita per raggiungere il padre, esiliato politico.
A soli quattordici anni ha fondato Fumetto Intercultura, per poi occuparsi sempre di temi politici e sociali attraverso libri, articoli, documentari.

Il mio migliore amico è fascista (Rizzoli) racchiude la storia di Takoua, e del suo primo anno di scuola superiore. Un momento complicato per tutti, e ancor di più per una ragazza che di cognome fa Ben Mohamed, è di origine tunisina, è musulmana, porta il velo e vive nella periferia di Roma.
Con l’ironia che la caratterizza, Takoua racconta così l’incontro/scontro con uno dei suoi compagni di scuola, un bulletto di nome Marco che si professa fascista senza neanche sapere bene cosa voglia dire!

fascista

La prof ha la brillante idea di farli diventare compagni in banco, e da quel momento per Takoua andare a scuola diventa un vero e proprio tormento.
Come se non bastassero le occhiatacce dei vicini di casa o le battutine degli insegnanti sui suoi genitori…

Il mio migliore amico è fascista è dunque il racconto di una convivenza che diventa una vera e propria battaglia quotidiana. Una battaglia fatta di sguardi in cagnesco e di una trincea disegnata sul banco con il righello. Un muro che di giorno in giorno sembra sempre più insuperabile…
Ma sarà davvero così?

fascista

I lettori si ritroveranno in Takoua e Marco, nelle loro paure e nei loro dubbi, così come nel loro conflitto. Non è facile, a quell’età, cambiare idea quando si è convinti di essere nel giusto. Trovare le letture adatte diventa così un modo per individuare gli spunti giusti per parlarne con i ragazzi, a scuola come a casa.
Quella di Takoua Ben Mohamed è una storia che parla di pregiudizi, stereotipi, razzismo, scuola, crescita e amicizia, raccontata sempre con il sorriso e la forza dell’ironia, attraverso coloratissime tavole a fumetti.

Ma lasciamo la parola all’autrice, che vi presenta Il mio migliore amico è fascista in questo video esclusivo!