Skip to main content

Scopri il libro

Il mestiere più bello del mondo. Faccio il veterinario

Segreti e aneddoti di uno dei mestieri più sognati dai bambini.

«Hai mai pensato di fare il veterinario?» Quando suo padre gli pone questa domanda, Guido ci riflette a fondo. In real- tà, no. Si è immaginato nelle carriere più varie e strane – giocatore di football americano, archeoastronomo, disegnatore di fumetti –, ma in quella di veterinario proprio mai. Eppure basta questa semplice miccia per far divampare una grande passione. Perché le passioni sono così: possono nascere all’improvviso e poi crescere nel tempo, travolgendoci in modo del tutto inaspettato. Perciò, quando arriva il momento di iscriversi all’università, Guido non ha più dubbi. Fin da subito, però, si rende conto che per diventare bravi veterinari l’amore per gli animali non basta, servono anche forza di volontà, dedizione e… uno stomaco forte! Quello che lo attende, infatti, è un percorso lungo e a volte complesso, ma costellato di grandi soddisfazioni e momenti memorabili. Come il giorno in cui si è laureato, o la prima volta che ha visto il suo nome sulla targa dello studio, o quella in cui è riuscito a guarire addirittura una tigre!


Perché leggerlo in classe

  • Guido Sgardoli racconta ai ragazzi un mestiere affascinante e aiuta a capire i nostri amici a quattro zampe, insegnando a interpretare i loro comportamenti e il loro personalissimo modo di comunicare.
  • Il racconto appassionato da uno dei più acclamati autori italiani, Premio Strega Ragazzi 2019.

Estratto di lettura

Scarica le prime pagine del libro

Autore

Guido Sgardoli

Guido Sgardoli ha pubblicato numerosi romanzi per ragazzi, tra i quali Dragon Boy, Il fenomenale P.T. Heliodore e Le Belve con Manlio Castagna; tra i molti riconoscimenti ottenuti, il Premio Andersen nel 2009, nel 2015 e nel 2018. The Stone, vincitore del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2019, rappresenta per lui una grande sfida: il confronto con il gigante della letteratura, nonché uno dei suoi miti personali, Stephen King.