Lasciarsi affascinare da imprese eroiche di un lontano passato

By 8 Giugno 2020 Giugno 9th, 2020 Senza categoria
daniela morelli

Scrittrice, drammaturga e sceneggiatrice, Daniela Morelli è autrice di romanzi per ragazzi di successo, capaci di trasportare i lettori più giovani in un passato lontano. Dall’antica Grecia ai giorni nostri, passando per la dominazione austriaca e la seconda guerra mondiale.
L’autrice legge oggi brani scelti da ogni sua pubblicazione (Mondadori e Piemme), per raggiungere così i suoi lettori anche a distanza.

A cominciare da Il bambino di Itaca (Mondadori). Per designare il futuro re di Itaca, il re Laerte bandisce una gara sportiva tra i giovani di corte. Suo figlio Odisseo non eccelle negli sport, ma adora navigare ed è intelligente, curioso e intraprendente. Il giorno della gara si avvicina, ma Odisseo non sembra per niente preparato…

Con La metà del sole (Il Battello a Vapore), la storia di Aliénor d’Aquitania, giovane sposa di Luigi VII di Francia, e quella di Hannelore, giovane veggente che vive nascosta sui monti, si intrecciano sulla via della seconda crociata, che dal cuore dell’Europa porta a Gerusalemme. Sullo sfondo della Storia, in bilico tra realtà, magia e immaginazione, si uniscono le vite di due ragazze diversissime, che tanto possono farci riflettere sul valore della libertà, su chi siamo e su cosa vogliamo dalla vita.

Il segreto delle tre caravelle (Mondadori) vede Diego Colomb, figlio di Cristoforo, abbandonato nel monastero di Palos. Il padre, infatti, ha in mente solo una cosa: dimostrare al mondo che la Terra è rotonda. Ma lo spietato priore del monastero trama contro di lui e contro la regina. Solo Diego può sventare il complotto: ci riuscirà con l’aiuto della misteriosa Rebecca dai capelli rossi, di Sancio, il capobanda dei ragazzi del porto e della bellissima figlia di Isabella di Spagna, Juana detta la pazza?

Arriviamo in piena dominazione autriaca con I ragazzi delle barricate (Mondadori). Al protagonista, Enrico, preme più di tutto stabilire cosa è giusto e cosa è sbagliato. Il suo sogno è diventare giudice, ma per ora è solo un povero ragazzo del collegio dei Martinitt, e quando si trova nei guai è la coraggiosa Serafina, la fioraia di Piazza della Scala, a salvarlo. Poi c’è Malachìa, il rampollo di una nobile famiglia, in eterno confronto con l’eroico fratello maggiore. Tre orfani, tre amici che sfidano il pericolo e lottano per qualcosa che ancora non conoscono: la libertà.

Da un lato la guerra, dall’altro la pace. Da una parte della rete miseria, dolore e paura, dall’altra il sogno di una vita diversa. Questa è la realtà di Giordano, un ragazzino che abita in un paese a due passi dalla Svizzera, quando incontra Rachele, ebrea, fuggita con la sua famiglia alla ricerca della salvezza. Per Giordano la ragazza è l’altra faccia della vita, fatta di allegria, forza d’animo, ostinata speranza. Ma è l’estate del 1943 e drammatici eventi stanno sconvolgendo l’Italia. Forse oltre ­quella rete ­li aspetta la libertà.
Ecco una lettura da La porta della libertà (Mondadori).

Yusdra e la città della sapienza (Mondadori), infine, ci riporta ai giorni nostri. Strappata all’improvviso alla sua tribù nel deserto del Sahara, Yusdra piomba nella provincia lombarda. Ha un carattere forte ed estroverso e si integra bene nella nuova realtà. Dopo qualche anno, però, qualcosa dentro di lei si muove: riemergono i ricordi e la nostalgia prende il sopravvento. La curiosità di sapere cos’è davvero successo nel suo passato si fa sempre più forte. Così torna nel deserto con tre compagni di scuola. Una fuga in cui ognuno cerca una risposta su di sé e sulla propria vita.

CONCLUSIONE