Skip to main content

Il ragazzo che non uccise Hitler

1940. Un treno viene attaccato dai bombardieri tedeschi. Nel buio di una galleria, per sconfiggere la paura, uno sconosciuto racconta qualcosa a Barney e alla sua mamma. È la storia di un giovane soldato che, durante un'altra guerra, fece quella che allora sembrava la cosa più giusta e che invece si sarebbe rivelata il peggior errore della Storia: non uccidere Adolf Hitler. Perché leggerlo in classe Per discutere sugli orrori del Nazismo e sulla reazione morale e individuale. Come ci saremmo comportati noi se ci fossimo trovati in quel luogo e a quel tempo?  
Luisella Marzaroli
8 Settembre 2021

La figlia dell’arcobaleno

«Un'occasione così è una fortuna. E poi non sarà per sempre». Questo dice la mamma di Obayda prima di tagliarle i capelli, trasformandola in una bacha posh, una bambina che indossa i pantaloni e risolve i problemi della famiglia. Superate le prime difficoltà, Obayda scopre che essere maschi offre molti vantaggi nelle zone rurali dell'Afghanistan: allontanarsi da casa, giocare in strada, arrampicarsi sugli alberi. Ecco perché, quando è il momento di tornare a essere una femmina, Obayda decide che anche una leggenda, quella secondo cui passare sotto l'arcobaleno può trasformare le ragazze in ragazzi, è qualcosa a cui aggrapparsi. A tutti i costi. Perché leggerlo in classe Per conoscere un Paese lontano e approfondirne gli aspetti culturali e sociali, nonché la vita di ragazzi e ragazze. La condizione della donna e la questione dell’uguaglianza in realtà diverse dalla nostra: temi divenuti ancora più attuali dopo i drammatici avvenimenti in Afghanistan nell'estate 2021. Materiale didattico Scarica le schede di approfondimento e riflessione
Sergio De Falco
13 Giugno 2021

Jonas e il predatore degli incubi

È arrivata l'estate e Jonas sta per compiere tredici anni. La sua vita procede apparentemente tranquilla, se si escludono gli incubi inquietanti che a volte lo afferrano e lo trascina- no in un mondo oscuro. Così quan- do, forse per caso, incontra Leonardo Byron Palamidès, "investigatore del sogno e delle illusioni", decide con il suo aiuto di indagare sul senso delle sue terribili visioni. E poi, un giorno, il suo amico Tom- my sparisce. Tutto precipita e Jonas capisce che spetta a lui ritrovarlo, anche a costo di dover affrontare le forze oscure. Il viaggio che lo aspetta lo porterà ai confini dell'Impensabile, alla scoperta di se stesso, delle sue paure, e di quel territorio che si apre davanti a noi quando, irrimediabilmente, ci accorgiamo che l'infanzia è finita. Tra il mondo magico di Neil Gaiman e le aTmosfere inquietanti di Stranger things, un'avventura straordinaria in quel territorio misterioso in cui realtà e immaginazione diventano una cosa sola. Perché leggerlo in classe Una storia che si snoda su temi coinvolgenti per i ragazzi nella fase di crescita che atraversano negli anni della scuola media: paura e amicizia, insicurezza e accettazione di sé. Costruito sapientemente da un grande autire come Francesco Carofiglio, Jonas e il predatore degli incubi è anche un thriller, un giallo, un noir, un romanzo che si legge d'un fiato. Una lettura cosnigliabile per l'estate ai ragazzi delle medie, che offre spunti di lavoro in vacanza o in classe. Leggi qui una presentazione completa del libro e scarica la…
Luisella Marzaroli
19 Gennaio 2021

Nuno di niente

Nuno vive in una discarica immensa ai margini di Rio de Janeiro. La sua vita è fatta tutta di rifiuti: il suo lavoro è raccogliere quello che gli altri buttano via e trovare cose con cui arredare la casa, da mangiare o da rivendere. Un giorno, su uno dei camion che arrivano alla discarica, Nuno trova uno strano pacco e un messaggio di Mariana, una ragazza dei quartieri ricchi. Inizia così una conversazione a distanza, che si trasformerà prima in una bellissima amicizia, e poi in un'occasione, per Nuno, di iniziare un viaggio alla scoperta delle sue origini. Da Roberto Morgese, insegnante e scrittore, il libro vincitore del Premio letterario Il Battello a Vapore edizione 2017. Perché leggerlo in classe Un libro ambientato in Brasile, un paese famoso per la bellezza, la cultura, ma anche per la povertà delle favelas. I lettori scoprono che esistono altri mondi, molto diversi dal loro, dove le cose materiali sono poche o niente ma tanti sono i valori e i desideri. E accompagnano Nuno alla ricerca delle sue origini. Una storia di amicizia, di coraggio e di scoperta. Materiale didattico Scarica le schede con le attività
Luisella Marzaroli
20 Ottobre 2020

Drilla

Nick Allen è un bambino sveglio, forse troppo. Fa lavorare la testa, tutto qui. E nessuno si stupisce quando decide che la penna non si chiama più penna: d'ora in poi si chiamerà "drilla". Mrs. Granger, insegnante che ha la passione e il gusto delle parole, non può incoraggiare la piccola rivoluzione. Deve imporre la sua autorità. Ma "drilla" è una parola che corre, una parola che andrà lontano. Un inno all'inventiva, un bestseller internazionale. Perché leggerlo in classe Un’occasione per riflettere sul significato e sull’uso delle parole. Una storia che offre alcuni spunti per… giocare con la nostra lingua! Il tema delle regole: l’importanza di osservarle, ma anche la possibilità di cambiarle in modo creativo. Materiale didattico Scarica le schede con le attività
Luisella Marzaroli
15 Settembre 2020

Il maestro nuovo

È l’inizio della quinta elementare per sette bambini della scuola di Snow Hill. C’è Jessica, la nuova arrivata, che fatica ad ambientarsi e si rifugia nei libri; Alexia, la bulla, che ti è amica un momento e nemica quello dopo; Peter, il mattacchione della classe; Luke, l’asso della matematica; Danielle, che non sa farsi valere; la timida Anna; e Jeffrey, che odia la scuola. Mr. Terupt, il loro nuovo maestro, è l’insegnante che tutti vorrebbero avere. Brillante e sensibile, sa trasformare la scuola in un posto entusiasmante… Finché un giorno ammantato di neve accade un incidente che cambierà tutto. E tutti. Perché leggerlo in classe È un libro coinvolgente e profondo che mette in scena i sentimenti, le emozioni e i vissuti di bambine e bambini rispetto ai rapporti di amicizia, la scuola e la famiglia. L’alternanza di voci mostra in modo illuminante il variare dei punti di vista su un medesimo fatto, aiutando i lettori a immedesimarsi negli altri e a cogliere la complessità del reale. Le difficoltà e le tragedie non risparmiano i più piccoli: il libro le affronta con realismo e fiducia, mostrando come sia possibile superarle in un percorso di cambiamento e di crescita. Materiale didattico Scarica le schede con le attività Estratto di lettura Scarica le prime pagine del libro
Luisella Marzaroli
27 Febbraio 2020

La mia migliore peggiore amica

Grace ed Ellie sono grandi amiche fin dalla seconda elementare. Ellie è estroversa, abituata a essere protagonista della scena, mentre Grace è ben contenta di farle da spalla. Ma cosa succede se un giorno cambia tutto? Quando per caso scatena una nuova mania, Grace balza di colpo al centro dell'attenzione. Il pretesto è la moda di collezionare bottoni che conquista prima i suoi compagni, poi le altre classi e infine tutta la scuola. Dovunque e in ogni momento gli studenti cominciano a raccogliere, scambiare e perfino litigarsi bottoni! Una mania che può mettere Grace in guai grossi e perfino segnare la fine della sua amicizia con Ellie. Perché Ellie non è abituata a farsi mettere in ombra da nessuno. E allora c'è solo una cosa che Grace può fare: trovare un sistema per mettere fine a tutto questo... Fermare una moda è difficile. Ma non quanto fermare un'amicizia. Perché leggerlo in classe Piccoli grandi problemi di ragazzi alle prese con le gioie e i dolori delle amicizie a scuola. Autore di Drilla, Andrew Clements è considerato il più grande autore di storie di scuola. Estratto di lettura Scarica le prime pagine del libro
Luisella Marzaroli
13 Dicembre 2019

L’amico nascosto

Quando Ahmed arriva a Bruxelles non sa dove andare; ha quattordici anni ed è solo. Suo padre, con cui è partito dalla Siria per fuggire la guerra, è disperso nel mar Mediterraneo. Ahmed si nasconde perché non vuole finire in un istituto per minori non accompagnati, e vagando riesce a entrare in una cantina che diventa il suo rifugio. Nella casa sopra di lui vive Max, un ragazzo americano che trascorre un anno a Bruxelles con la sua famiglia. Non è bravo a scuola, non ha nessuna voglia di imparare il francese e il Belgio non gli piace. Ahmed e Max sono quasi coetanei, ma le loro esperienze non potrebbero essere più diverse. Eppure il loro incontro è l'inizio di una grande avventura, di quelle che solo due veri amici possono affrontare. Perché leggerlo in classe Un grande romanzo del nostro tempo. L'amicizia come casa di chi ha perso la propria. La storia racconta con efficacia la difficoltà di sentirsi stranieri, in qualunque condizione si viva. Estratto di lettura Scarica le prime pagine del libro
Sergio De Falco
13 Dicembre 2019

Sette abbracci e tieni il resto

Ernesto ha dodici anni, occhiali spessi e una camminata sbilenca. È così dall'incidente d'auto che gli ha portato via la nonna, amatissima, la nonna dei proverbi e delle lezioni di vita, la nonna a cui in cambio di un abbraccio strappava quasi tutto. Ernesto ha un amico, Lucio, che come un grillo parlante gli fa venire mille dubbi e lo mette in guardia su tutto. Ma siamo sicuri che sia sincero? Ha poi anche un altro amico che si chiama Elien e viene da lontano. Ernesto ha una passione per una sua compagna di scuola, Martina, ma sa che lei non lo noterà mai. Finché un giorno Martina non sparisce di colpo, gettando nel panico la comunità. Per Ernesto è l'occasione per ritrovarla, componendo il puzzle di un mistero che gli adulti, neanche quelli che dovrebbero saperlo fare per mestiere, riescono a risolvere. Ed è l'occasione per trasformarsi di colpo da sfigato Quattrocchio a magnifico eroe salvatore. Una storia che fa ridere e che commuove; un protagonista irresistibile che ha coraggio da vendere, anche se non lo sa ancora. Perché leggerlo in classe Un romanzo vivo e tenero, un autore che ha conquistato in fretta grandi scrittori e lettori d'eccezione. "Questo libro mi è piaciuto un casino. Non tanto, un casino." Marco Malvaldi “È un libro per ragazzi, questo. Ma la sua onda delicata sa trasportare anche gli adulti. Perché Ernesto, che ha 12 anni ed è tutto sgangherato, è tutti noi. Quello che siamo stati e ancora siamo. Fragilissimi…
Luisella Marzaroli
29 Novembre 2019

Il cane che inseguiva le stelle

Joel è solitario, inquieto, ribelle: vorrebbe sapere perché sua madre è sparita, è irritato col padre che ha un nuovo legame, si arrampica su un ponte altissimo solo per compiacere un coetaneo prepotente... Quando, in una notte di gelo, vede dalla finestra un cane che sembra correre incontro a una stella, decide di seguirlo. Perché tutti abbiamo bisogno di una stella, e col tempo anche Joel troverà la sua. Perché leggerlo in classe Le domande e i dubbi di Joel sono quelli di molti ragazzi della sua età. Le atmosfere nordiche sono piene di fascino. Estratto di lettura Scarica le prime pagine del libro
Luisella Marzaroli
13 Giugno 2019

Ilaria Alpi. La ragazza che voleva raccontare l’inferno

Ilaria Alpi era una reporter della Rai. È stata uccisa in Somalia nel 1994 insieme al cameraman Miran Hrovatin. Aveva trentadue anni. Quando è morta stava indagando su un traffico di armi e rifiuti tossici tra la Somalia e l’Europa. Lo faceva per conto suo, quando non doveva seguire gli sviluppi della guerra. Questo libro racconta di lei, di Miran Hrovatin, e di una ragazzina somala di nome Jamila, che è immaginaria ma potrebbe benissimo essere vissuta davvero. Questo libro parla di coraggio e di speranza, e di tutti quelli che si battono per avere un mondo migliore a costo della vita. Perché leggerlo in classe Ilaria Alpi è l'esempio di una vita spesa in nome di un ideale. La sua storia mostra ai ragazzi quanto è importante raccontare le ingiustizie del mondo. Estratto di lettura Scarica le prime pagine del libro
Sergio De Falco
13 Giugno 2019

Una rivoluzione di carta

Tra le macerie si rincorrono voci stupite: "La guerra è finita!", "Hanno firmato la pace!". Il giovane Fridolin è incredulo. Dopo aver a lungo atteso questo momento, non sa che farsene di tanta felicità. Tutto però cambia quando incontra Jella Lepman, che veste la Divisa Verde e sogna di ricostruire il futuro di un Paese sconfitto a partire dall'infanzia. Per questo scrive ai governi del Mondo Libero chiedendo di donarle i loro albi illustrati con l'idea di farne una mostra itinerante per ragazzi. E Fridolin, coinvolto nell'impresa in prima persona, imparerà che la pace ricomincia proprio con i libri, dentro a una silenziosa rivoluzione di carta. Quella di Jella Lepman è una storia vera. A lei si devono la creazione della Biblioteca per l'Infanzia più grande del mondo e la nascita di IBBY, associazione attiva nel promuovere la lettura tra i ragazzi a livello internazionale. Questo libro rende omaggio alla sua opera instancabile a favore di una cultura a misura di bambino. Perché leggerlo in classe Per conoscere insieme ai ragazzi una donna che è esempio di tenacia e coraggio. Per parlare dell'importanza e del piacere della lettura.  
Sergio De Falco
13 Giugno 2019