Razzismo e antisemitismo: quattro storie per riflettere

La storia

Ad Auschwitz, che ora è un museo alla memoria, visitato da migliaia di persone ogni anno, c’è una stanza piena di valigie, borse, sacche appartenute alle persone che dal 1942 hanno tragicamente concluso qui il loro ultimo viaggio. I quattro racconti di questo volume partono proprio dalle migliaia di valigie che testimoniano le tante vite di uomini, donne, bambini che non sono mai più tornati a casa. Carlo, Hannah, Jacob, Émeline e Dawid erano cinque ragazzini provenienti da angoli diversi d’Europa e approdati con il loro bagaglio ad Auschwitz, ciascuno con la sua storia di emarginazione e di paura, sullo sfondo di una realtà dominata dall’odio razziale. Completano il libro un prologo, che inquadra i fatti storici con illuminante chiarezza, e una bibliografia essenziale.

I temi

Con delicatezza, usando un linguaggio adatto ai giovani lettori, ma senza nascondere la verità, il libro mostra le angosce di un’intera generazione di europei perseguitata dai nazisti. Carlo era italiano e la sua realtà si frantuma contro le leggi razziali del 1938; Hannah già nel ‘33, appena in Germania sale al potere Hitler, vede portare via suo fratello Jacob, disabile; Dawid vive la reclusione nel ghetto di Varsavia, prima della deportazione; Émeline, invece, riesce a sfuggire alle retate che da Parigi si concludono ad Auschwitz, dove i suoi genitori moriranno. Quattro storie, tra milioni di storie, per riflettere con i lettori sull’assurdità del razzismo e dell’antisemitismo.

Spunti di riflessione

• Cosa sai della Shoa? Parlane in classe, cercando di dare, insieme all’insegnante, un’inquadratura storica a questa grande tragedia di un popolo e dell’Europa tutta.
• Sai dove si trova Auschwitz? Cerca sulla carta d’Europa questa località della Polonia e prova a tracciare il percorso che dalle città dei protagonisti porta lì.
• Sai cos’è un ghetto? Il più antico d’Europa è a Venezia e risale al 1516, ben prima della seconda guerra mondiale. Svolgi una ricerca sulla storia dei ghetti e della loro funzione.

Vai all'animazione di Le valigie di Auschwitz



Devi essere registrato per commentare questa proposta.