Skip to main content

Diventare campioni senza perdere di vista i valori dello sport

Non tutti i bambini amano leggere: per alcuni immergersi nelle storie è davvero faticoso. Ci sono però alcuni libri che avvicinano alla lettura. I libri sullo sport, per esempio, piacciono sempre a tutti perché raccontano di mondi conosciuti, in cui bambini e bambine riesco ad immedesimarsi.

18 Segreti per diventare Stelle è uno di questi: al suo interno la pallavolista Paola Egonu racconta dei valori e delle difficoltà che l’hanno fatta crescere ed eccellere nello sport. Ma come fare?

Emanuele Giulianelli, scrittore, giornalista e co-autore del libro, racconta ai docenti i temi che lui e Paola hanno inserito nel libro, adatti alla discussione in classe.

I “18 segreti”, infatti, non vuole essere il racconto della vita privata di una star, ma un’occasione per illustrare a ragazze e ragazzi il percorso – non sempre semplice – di una ragazza con grandi capacità e una forte volontà di raggiungere i suoi obiettivi. Un esempio più che mai positivo per tutti loro.


“Perché stelle?” è la domanda con cui si apre il libro di Paola Egonu, che mi ha regalato il piacere e l’onore di scriverlo insieme a lei.

La massima aspirazione, dal suo punto di vista, è diventare come quelle luci che ogni sera illuminano il cielo e splendono sopra le nostre teste, fregandosene del buio che c’è intorno a loro. Il messaggio forte che c’è alla base di questo testo è proprio questo: brillare, perché “qualsiasi cosa voi facciate nella vita, se la fate con amore e vi ci dedicate con tutti voi stessi, siete delle stelle”.

Una collezione di segreti, come abbiamo scelto di chiamarli: diciotto, come il numero di maglia che da sempre Paola porta sulle spalle. Nel libro, la giovane campionessa della pallavolo italiana e mondiale affronta i temi più cari e importanti per lei e per le ragazze e i ragazzi a cui si rivolge, partendo dal suo vissuto, dalla sua storia personale.

Paola Egonu incarna una serie di valori che sono attuali nel panorama giovanile odierno e aprono un ponte verso il futuro del nostro Paese e della nostra società: la sua è una storia di immigrazione, di integrazione, di voglia di emergere, di forti amicizie e legami fondamentali per la crescita.

Il razzismo, il rapporto con gli altri, l’importanza della famiglia e delle figure di riferimento, anche in fasi della vita in cui sono tipiche le ribellioni, sono tra i temi centrali del libro. Dal testo non emerge la figura di una campionessa perfetta che vince e sorride sempre, che studia brillantemente e, allo stesso tempo, ottiene successi incredibili nello sport; in “18 segreti per diventare stelle”, Paola Egonu parla di come si affronta la sconfitta, di come si può non essere soddisfatti dopo una partita vinta, dell’ossessione per la perfezione, di cosa significhi trascorrere il Natale e le feste lontani dalla propria famiglia per inseguire il proprio sogno.

E di come, se si ha un talento (nel suo caso quello per la pallavolo) ciò che va fatto è assecondarlo, seguirlo, anche a costo di sacrificare un po’ la scuola o gli altri interessi. Scrive Paola:

“Se tutti facessero ciò che amano fare, forse il mondo sarebbe un posto migliore: sicuramente sarebbe più piacevole viverci. Come si fa? È una cosa che si impara. Sicuramente farete fatica, ma, piano piano, scoprirete tante cose nuove di voi che nemmeno immaginavate, e capirete che cosa davvero vi fa star bene, vi fa essere felici”.

Emanuele Giulianelli


E per approfondire il percorso di lettura dedicato allo sport, vi consigliamo anche:

  • Vola come una farfalla, di Alessia Maurelli con Giovanni Seltralia: un libro dedicato alla ginnastica ritmica dove la campionessa olimpica, capitana delle Farfalle Azzurre, racconta la storia di Vittoria, aspirante ginnasta.
  • Le ragazze di Mister Jo, di Joanna Borella con Stefania Carini (con la prefazione di Mario Calabresi): la storia romanzata dell’allenatrice Jo, la prima bambina di origini indiane a essere adottata in Italia, e delle sue calciatrici, quelle che allena realmente nel quartiere Nolo, a Milano.
  • Voglio fare la calciatrice, di Francesca Maria Gargiulo e Gaia Missaglia: le due allenatrice delle squadre giovanili dell’AC Milan raccontano la storia di Letizia, che sbaraglia chiunque in campo.
  • Da grande farò il calciatore, di Luigi Garlando: uno dei “classici” del Battello a Vapore, scritto da uno dei più importanti giornalisti sportivi, autore molto amato da ‘generazioni di bambini e ragazzi. 

Credits: Freepik