Skip to main content

Quando saremo liberi

12 gennaio 1863, il soldato nordista Tom rientra in Virginia, dopo anni di lontananza. La guerra di Secessione americana imperversa, insieme alla rivendicazione di liberare ogni famiglia nera dallo schiavismo. Il battaglione di Tom si accampa in una Grande Casa che è proprio l'ultima in cui la sua famiglia era stata a servizio. Ormai è abbandonata, ed esplorandola Tom ritrova gli spazi che ben ricorda, compresa la stanza di Bex, l'ultimogenita dell'ex padrone, ragazzina emancipata e gentile. Rileggendo un diario abbandonato in un cassetto, Tom scoprirà il punto di vista della sua ex quasi-amica e i suoi sentimenti sulla crudeltà del padre, sugli episodi di violenza avvenuti tra quelle mura, e sulle ragioni che portarono alla fuga di Tom dalla casa. Un romanzo che fa luce su un periodo cupo della Storia, alle radici delle discriminazioni subite dalla popolazione afroamericana ma anche delle lotte per i diritti civili. Una storia commovente perché ancora attuale. Vincitore dell'edizione 2022 del Premio Giovanni Arpino della città di Bra, nella categoria 10-13 anni. Perché leggerlo in classe Dopo la lunga estate americana del Black Lives Matter, un romanzo che racconta la storia della schiavitù nella Cotton Belt degli Stati Uniti a fine Ottocento. Un'ambientazione alla "Via col Vento", che rende le tematiche accessibili anche alla sensibilità di un giovane lettore. Una giovane autrice, con il gusto per il romanzo storico e una scrittura fluida e coinvolgente.  
Luisella Marzaroli
22 Aprile 2021

Volevo solo dipingere i girasoli

Italia centrale, 1943. Agostino e Stefano sono amici ma sono figli di un partigiano e di un fascista, anche loro amici in gioventù eppure oggi impegnati su due fronti opposti: Aldo è sui monti a combattere, Sergio ha sostituito la divisa da ferroviere con la camicia nera. Un giorno i due ragazzi vedono transitare per la stazione un treno merci stipato di persone. Sono uomini, donne e bambini e hanno i volti sconvolti e impauriti, paiono tutti vecchi. Seguendo la pista di un biglietto lanciato di nascosto da una finestrella del treno, Agostino e Stefano trovano una ragazzina, che li segue con una valigia dipinta con un cielo stellato che sembra un mare. È ebrea, e l'unica sua speranza di salvezza è che qualcuno la prenda con sé. Erica non parla, ma ha un talento quasi magico: è bravissima a immaginare e dipingere come doveva essere un luogo prima che la guerra ci passasse. Nascerà un'amicizia che andrà oltre le barriere imposte dalla guerra. Insieme, Erica, Agostino e Stefano si scontreranno con il mondo crudele degli adulti e con una domanda che rimarrà senza risposta: perché  succede tutto questo? Perché leggerlo in classe Un racconto i cui protagonisti ben raffigurano il potere dell'amicizia e la capacità di costruire legami solidi e duraturi, che sfidano l'assurdità della guerra. Un libro sullo scontro generazionale tra l’immaginazione dei ragazzi e la crudeltà degli adulti. Fabrizio Altieri, autore molto attivo nella promozione della lettura all'interno delle scuole e apprezzato da insegnanti e studenti, offre…
Luisella Marzaroli
14 Aprile 2021

Max salva il Pianeta

Ciao, mi chiamo Max e ho una missione da compiere: SALVARE IL PIANETA. Siccome sono convinto che occorra fare di tutto perché avvenga il GRANDE CAMBIAMENTO, ho deciso di escogitare e mettere immediatamente in atto alcune IDEUZZE tipo: - nascondere le chiavi della macchina ai miei genitori (ma ora non chiedetemi perché sono finite nel water...) - andare a scuola indossando un sacco a pelo per risparmiare sul riscaldamento - piantare alberi all'insaputa del preside che non ne era affatto contento! E tu, vuoi unirti al cambiamento? Perché leggerlo in classe La tematica ambientalista, da tempo ormai al centro del dibattito internazionale, rende questa simpatica storia adatta ad affrontare con la classe un tema così importante. Un nuovo, divertente e originale punto di vista con il quale si raccontano problemi, contraddizioni e soluzioni al cambiamento climatico. Il tipo di illustrazioni e le caratteristiche del testo rendono il libro perfettamente accessibile ai giovani lettori.  
Luisella Marzaroli
24 Marzo 2021

Vogliamo la luna

Centoquarantaquattro ragazze e ragazzi di tutta Italia fra gli undici e i diciotto anni. Più di cento parole per definire e immaginare il futuro. La pandemia ha sconvolto le nostre vite, ha fatto vacillare tutte le certezze e ci ha catapultato in un tempo sospeso. È in questa dimensione che Daniela Palumbo ha immaginato di chiedere a un'intera generazione: Che parole vuoi portare con te nel futuro? I ragazzi hanno risposto all'appello con entusiasmo e passione, scrivendo riflessioni, poesie, pagine di diario, discorsi immaginari o lettere a un amico. Questo libro è un catalogo dei sogni che i ragazzi e le ragazze hanno dedicato al futuro. Perché "sognare è un diritto fondamentale". E perché loro lo sanno che il futuro è oggi. Perché leggerlo in classe Un progetto ideato e realizzato grazie alla collaborazione di 144 ragazzi di diverse età e zone d’Italia: un testo che saprà coinvolgere gli studenti grazie alle parole dei loro coetanei. Per i docenti uno strumento che permetterà di affrontare con la classe argomenti come il post-covid e l’idea di futuro dei ragazzi. Trovi qui il nostro focus sull'autrice, con un video dedicato agli insegnanti e la prefazione del libro.
Luisella Marzaroli
23 Marzo 2021

Dog Man e le perfide palline malandrine

Ogni volta che Dog Man sta per catturare un criminale, basta che quello gli lanci una pallina che lui non resiste: corre a prenderla lasciandolo fuggire. I Super Fantastici ce la mettono tutta per aiutare il mitico poliziotto con il corpo da uomo e la testa da cane a vincere la sua ossessione, purtroppo però finiscono col trasformare quella mania per le palline nella sua più grande paura. Ed è così che Dog Man diventa il bersaglio di un nuovo supercriminale la cui arma segreta è proprio un esercito di perfide palline scassinatrici! Per fortuna ad aiutare Dog Man arriva Ginetto, che lo convince a reagire: perché non basta essere buoni, ma bisogna fare del bene, anche quando le cose diventano spaventose. Possono le buone azioni sconfiggere i malvagi? Siamo pronti a scoprirlo! Perché leggerlo in classe Fumetti, risate e valori positivi: la chiave per avvicinare ai libri i lettori più deboli. Il nuovo personaggio di Dav Pilkey, creatore del fenomeno mondiale Capitan Mutanda, coinvolge i bambini e cattura la loro attenzione in modo divertente ma mai banale. Alla fine del libro i bambini trovano una simpatica attività sull'immagine: i tutorial per imparare a disegnare sei mitici personaggi! Materiale didattico Scopri qui i materiali per la classe e il simpatico video per imparare a disegnare Gino e il Can-valiere Oscuro passo dopo passo!
Luisella Marzaroli
19 Gennaio 2021

Bianco

Fuori dalla chiesa, la peggiore bufera di neve che si ricordi. Dentro la chiesa, sette persone rifugiate e isolate dal mondo. Una ragazza, una donna, due bambini, un uomo, un prete, un ladro. Tutti hanno perso qualcosa di molto prezioso. Ma nessuno ha perso la speranza di uscire da lì, salvarsi e tornare nel mondo esterno. Mentre fuori la nevicata non accenna a diminuire, dentro i viveri scarseggiano e ogni decisione può fare la differenza tra sopravvivere e morire. Una storia potente, al tempo stesso un thriller inesorabile, un romanzo di formazione profetico e spirituale e una riuscita metafora della condizione umana. Bianco ha vinto il Premio Cento nel maggio 2022 nella sezione scuola secondaria di primo grado. Perché leggerlo in classe Una storia potente e al tempo stesso un thriller inesorabile. Un romanzo di formazione profetico e spirituale, e una riuscita metafora della condizione umana. Il libro più importante di un'autrice già molto apprezzata dai ragazzi.
Luisella Marzaroli
18 Gennaio 2021

Il Giorno della Memoria raccontato ai miei nipoti

In un dialogo fatto di domande, curiosità e riflessioni, Lia Levi racconta il significato del Giorno della Memoria. Attraverso le date della Storia, a partire dal 27 gennaio 1945, ripercorre la sua infanzia segnata dalle Leggi razziali e dall'occupazione nazista. Ma lo fa in modo speciale, rivolgendosi ai suoi nipoti e a tutti i giovani lettori che negli anni ha incontrato nelle scuole d'Italia e che le hanno posto migliaia di domande. Un libro pieno di saggezza e di amore, che tutti i ragazzi dovrebbero leggere. Perché leggerlo in classe Un libro necessario e autorevole per gli insegnanti (e i genitori) che vogliono affrontare il tema del Giorno della Memoria. L’autrice, una delle ultime testimoni degli orrori delle Leggi razziali, racconta la sue esperienza di bambina ebrea nell’Italia degli anni ’30 e ’40 con un tono caldo e una narrazione ricca di aneddoti. Materiale didattico Scarica le schede con le attività Trovi qui un video esclusivo realizzato da Lia Levi e dedicato a tutti i docenti.
Luisella Marzaroli
18 Gennaio 2021

Una musica più forte delle bombe

Lisa aveva solo quattordici anni quando l'esercito di Hitler occupò Vienna. Minacciati, come tutte le famiglie ebree, da quella presenza, i suoi genitori furono costretti a prendere una delle decisioni più difficili della loro vita: scegliere a quale delle tre figlie garantire un futuro, quale far partire per l'Inghilterra con il Kindertransport, un programma volto a trarre in salvo i bambini ebrei. La loro scelta ricadde su Lisa, la più talentuosa tra le sorelle, un prodigio della musica con un sogno al quale aggrapparsi: diventare una famosa pianista. A Londra la vita di Lisa cambiò radicalmente. Separata dalla sua famiglia, dovette affrontare i tempi e le prove più complesse. La sua passione, però, rimase intatta e la sua musica non solo divenne un faro di speranza per tutti i bambini del centro di accoglienza di Willesden Lane, ma fu anche la sua ancora di salvezza. Perché Lisa, nonostante tutto, riuscì a realizzare il suo sogno. Uno schianto assordante la scagliò lontano dal pianoforte. Il vetro della finestra andò in frantumi, la stanza fu inondata da una pioggia di schegge. Lisa si ritrovò a terra, senza capire se fosse viva o morta. Si guardò le mani: le dita si muovevano, e così anche le braccia. Era ricoperta di polvere e frammenti di vetro. Si rialzò lentamente. Invece che provare angoscia, sentì una calma improvvisa. - Queste bombe non possono fermarmi! - si disse. Perché leggerlo in classe Una storia vera di coraggio e sopravvivenza e della capacità della musica di elevare…
Luisella Marzaroli
18 Gennaio 2021

Vogliamo ricordare

Nel Giorno della Memoria ogni anno in tutto il mondo si ricordano le vittime della Shoah. Alle testimonianze di chi ha vissuto questo periodo buio si affiancano anche storie che ci aiutano a capire e a non dimenticare. Come quella di Io e Sara, Roma 1944 che, sullo sfondo di una città flagellata dai bombardamenti, ci racconta il valore dell'amicizia. O quella di Ho visto i lupi da vicino, che ci insegna a non perdere mai la speranza, nemmeno di fronte ai cancelli di Auschwitz. Ma da dove nascono i pregiudizi verso gli ebrei? In Che cos'è l'antisemitismo? Lia Levi ci guida in un percorso di conoscenza e sensibilizzazione sul tema dell'odio razziale. Perché leggerlo in classe Un imprescindibile viagio nella Memoria, per non dimenticare ciò che ha segnato la nostra Storia e che dobbiamo, e vogliamo, ricordare. Tre grandi storie di tre grandi autrici del catalogo del Battello a Vapore riunite in un volume unico in occasione della Giornata della Memoria.
Luisella Marzaroli
18 Gennaio 2021

Scolpitelo nel vostro cuore

Liliana Segre racconta ai ragazzi la sua esperienza di bambina e poi ragazza ebrea, dall’inizio della persecuzione razziale in Italia, alla dispersione e distruzione della sua famiglia, agli anni terribili dell’internamento ad Auchwitz, fino alla liberazione in seguito alla scon-itta della Germania nazista. Lo fa lasciando emergere con semplicità la voce della bambina e della ragazza di allora, con le sue emozioni, i suoi affetti, le sue paure, la sua impossibilità a comprendere un male così grande, e infine la sua incrollabile volontà di vivere nonostante tutto. Come molti sopravvissuti ai campi di sterminio, anche Liliana Segre per molti anni ha custodito in silenzio il ricordo della sua terribile esperienza, fino a quando non ha sentito sorgere in sé la forza e la necessità di diventare testimone per invitare le future generazioni alla responsabilità della memoria e all’impegno verso un mondo di pace. Perché leggerlo in classe Uno strumento di educazione alla cittadinanza che permette di affrontare temi quali la solidarietà, l’indifferenza, la prepotenza e creare parallelismi con l’attualità. Una toccante testimonianza sulla Shoah. Il rilievo dato a sentimenti ed emozioni della protagonista offre la possibilità di riflettere anche riferendosi alle proprie esperienze. Materiale didattico Scarica le schede con spunti di lavoro
Sergio De Falco
18 Gennaio 2021

La ragazza che ha cambiato il Natale

È dicembre, il mese più magico dell'anno, quello in cui la neve avvolge Londra come un festone scintillante. Blanche Claus, però, non ama il Natale: senza un posto e una famiglia con cui trascorrerlo, vorrebbe solo che quel giorno finisse il prima possibile. Ma non quest'anno: quando una curiosa signora dai capelli bianchi le regala un addobbo magico, per Blanche si apre un mondo sconosciuto, popolato di elfi cocciuti e abeti danzanti. E poi c'è Rinki, la persona giusta con cui condividere un sogno molto speciale: rendere il Natale davvero indimenticabile, per tutti! Dalle strade di Londra al Paese degli elfi, la loro magica avventura le porterà fin oltre il Circolo Polare Artico, in un turbinio scoppiettante di addobbi colorati, camini angusti e pieni di fuliggine, fatine impertinenti e misteriose figure che tramano nell'ombra... Perché leggerlo in classe Una fiaba natalizia dedicata a tutti i cuori coraggiosi, che lottano per trasformare i sogni in realtà. Una reinterpretazione in chiave moderna, divertente e femminista della nascita di Santa Claus, sulla scia di storie di successo come "Klaus - I segreti del Natale".
Luisella Marzaroli
11 Dicembre 2020

Aspettando Anya

Lescun è un paesino francese arroccato sui Pirenei. Durante la Seconda Guerra Mondiale, Jo, un ragazzino che ha preso il posto del padre alla guida del gregge, conosce Benjamin, un uomo strano che vive in clandestinità. Presto Jo scoprirà che l'uomo nasconde decine di bambini ebrei per poterli condurre in salvo oltre confine e nel frattempo aspetta di ricongiungersi con Anya, la figlia di cui ha perso le tracce. L'arrivo dell'occupazione tedesca minaccia la vita di tutti, grandi e piccoli, ma grazie all'aiuto di Jo, della sua famiglia e di tutti gli abitanti del villaggio, un ultimo gruppo di bambini spera di fuggire in Spagna. Perché leggerlo in classe Un romanzo che è una lezione di Storia e di vita. Per affrontare con la classe temi forti e importanti attraverso una storia alla loro portata, grazie alla bravura di un grande maestro della letteratura per ragazzi. Altri titoli di Michael Morpurgo su LeggendoLeggendo: Ascolta la luna Flamingo boy Lo sbarco di Tips (con scheda didattica) Nella bocca del lupo (con estratto di lettura) Quando le volpi vinsero il campionato (con scheda didattica) Toto e il Mago di Oz War Horse (con scheda didattica)
Luisella Marzaroli
17 Novembre 2020