Skip to main content

Che senso ha leggere e scrivere poesie oggi?

By 11 Novembre 2022Novembre 24th, 2022Narrativa

“Nasciamo poeti e moriamo saggisti”
Luigi Garlando

 

Luigi Garlando è un autore molto amato da lettrici e lettori, docenti e critica. I suoi romanzi affrontano temi importanti e necessari: dalla mafia a Dante, passando per Che Guevara, uno dei pregi dei suoi scritti è quello di riuscire a stimolare la discussione e il confronto in classe tra le ragazze e i ragazzi, insieme ai loro insegnanti.

Nel suo ultimo romanzo Siamo come scintille, edito da Rizzoli, Garlando ci conduce attraverso un nuovo modo di vedere il mondo: la protagonista è una ragazza sedicenne famosa sui social per le sue poesie, che pubblica ogni giorno. Da una parte vediamo lei che riesce a interpretare i sentimenti dei suoi coetanei, comunicando con loro attraverso uno schermo, e dall’altra incontriamo Gregorio, ex scrittore di successo, che non scrive un bel libro da almeno venticinque anni…

A partire dal fenomeno dell’instant poetry, cioè la poesia “istantanea” che si realizza sui social, Garlando delinea le realtà letterarie che nascono grazie ai social e allo stesso tempo aiuta i giovani a riscoprire la poesia classica, da Leopardi a Alda Merini.

In occasione della pubblicazione, abbiamo chiesto all’autore di indicarci, oltre ai temi trattati nel romanzo, le possibili strade per far apprezzare il libro nella classi, per accompagnare ragazze e ragazzi alla scoperta del linguaggio poetico.

 

1. Come possono gli insegnanti utilizzare questo libro in classe?

2. Scià, la protagonista, pubblica poesie su Instagram. Secondo te, chi scrive sui social fa letteratura?

3. Avvicinare ragazze e ragazzi alla poesia, quindi, è un processo naturale?

4. Ci leggi una poesia di Scià?

5. La poesia che ci hai letto racconta del rapporto studenti-insegnanti. Nel libro ci sono altri temi, oltre alla poesia, che si possono discutere in classe?

6. Nei tuoi romanzi precedenti, Per questo mi chiamo Giovanni o Vai all’inferno, Dante!, ponevi l’attenzione su persone realmente esistite mentre in questo nuovo romanzo i personaggi sono tutti di fantasia. Come mai questa scelta?

7. I due protagonisti, Scià e Gregorio, rappresentano due mondi opposti. Scià è una sedicenne che si affaccia alla vita degli adulti, ma ha un milione di occhi puntati su di lei, mentre Gregorio è un cinquantenne che ha scritto un solo romanzo di successo, anche se crede di essere il migliore di tutti. Questi due mondi opposti troveranno un punto d’incontro?